Carta di identità cittadini italiani residenti minorenni

Ufficio di riferimento: Anagrafe icona per la stampa della pagina

Descrizione Procedimento

La carta d'identità può essere rilasciata senza limite di età - la carta d'identità rilasciata ai minori di 3 anni ha validità 3 anni - la carta d'identità rilasciata ai minori di età compresa fra i 3 ed i 18 anni ha validità 5 anni.

Per la scadenza si fa riferimento  all’art. 7  D.L. 09/02/2012 n. 5 secondo cui i documenti sono  rilasciati con validità fino alla data corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.

I minori devono presentarsi personalmente all’ufficio Anagrafe accompagnati da almeno un genitore (o esercente la potestà). Nel caso i genitori siano assolutamente impossibilitati a presentarsi i ragazzi possono  presentare il passaporto (se ne sono in possesso) e farsi accompagnare da due testimoni sempre e comunque presentando il modello di assenso firmato dai genitori esercenti la potestà genitoriale.

I minori italiani possono avere una carta d’identità valida per l'espatrio se non sono nelle condizioni che per legge impediscono il rilascio del passaporto Per ottenere la carta d'identità valida all'espatrio occorre l’atto di assenso firmato da entrambi i genitori. In mancanza del consenso di un genitore occorre l'autorizzazione del giudice tutelare.  Se entrambi i genitori accompagnano il ragazzo il consenso può essere espresso davanti all'ufficiale d’anagrafe.

Se il ragazzo viene accompagnato da un solo genitore occorre presentare il consenso scritto dell'altro genitore, allegando la fotocopia di un documento di riconoscimento.

Per viaggiare è necessario:

Minori di 14 anni in caso di espatrio con i genitori:

  • carta di identità valida per l'espatrio con riportati nel retro il nome dei genitori; Espatrio con persona diversa dai genitori o dal tutore legale: 
  • carta di identità valida all'espatrio; 
  • l'accompagnatore deve essere munito di apposita dichiarazione firmata dai genitori e convalidata dalla Questura

Espatrio di minorenne con più di 14 anni:

  • carta di identità valida per l'espatrio; 
  • se viaggia con persona diversa dai genitori o dal tutore legale e con compagnie aeree/marittime, può essere richiesto da quest’ultime, l’autorizzazione che va richiesta in Questura.

Per i minori (0 – 18 anni) accompagnati all’interno del territorio nazionale da persona diversa dai genitori o dal tutore legale che viaggiano con compagnie aeree/marittime, può essere richiesto da quest’ultime, l’autorizzazione che va richiesta in Questura.

Sulla carta d’identità valida per l’espatrio non compare nessuna dicitura particolare; al contrario, nella carta d’identità non valida per l’espatrio compare la dicitura: “non valida per l’espatrio”.

Requisiti

Occorre essere residenti nel Comune di Cavernago.
Per i cittadini residenti in un altro Comune occorre compilare una richiesta; l’anagrafe provvede a chiedere il nulla-osta al Comune di residenza; occorre quindi attendere la risposta prima di procedere al rilascio.

Documentazione Necessaria

  • domanda firmata dai genitori su modulo firmato dall’Ufficio
  • tre fotografie formato tessera, recenti, a capo scoperto, uguali tra di loro
  • in caso di furto o smarrimento, copia e relativa fotocopia della denuncia presentata all’Autorità di Pubblica Sicurezza
  • per i minori sotto tutela: occorre la presenza del tutore che deve esibire la documentazione riguardante la tutela.

Solo nei casi di furto, smarrimento o deterioramento di una carta d’identità ancora valida e rilasciata nel Comune di Cavernago è possibile avere una carta nuova senza bisogno di produrre un documento di riconoscimento o di essere accompagnato da testimoni.

Costo

5,42 Euro primo rilascio; 10,58 Euro se duplicato.

Normativa

Decreto Legge 13/05/2011, n. 70; art. 7 D.L. 09/02/2012 n. 5; art 40 del D.L. 20/02/2012, n. 1.

Tempistica

Rilascio immediato per i residenti, per i non residenti il rilascio è posticipato all’acquisizione del nulla-osta da parte del Comune di residenza.