Benessere organizzativo

icona per la stampa della pagina

Art. 20, comma 3, del d.lgs. 33/2013.

Le Amministrazioni, nella prospettiva di migliorare l’efficienza, l’efficacia e la qualità dei servizi, devono opportunamente valorizzare il ruolo centrale del lavoratore nella propria organizzazione. La realizzazione di questo obiettivo richiede la consapevolezza che la gestione delle risorse umane non può esaurirsi in una mera amministrazione del personale, ma implica una adeguata considerazione della persona del lavoratore proiettata nell’ambiente di lavoro.

In questa prospettiva si inquadrano le indagini sul benessere organizzativo, i cui risultati rappresentano validi strumenti per un miglioramento della performance dell’organizzazione e per una gestione più adeguata del personale dipendente, contribuendo a fornire informazioni utili a descrivere, sotto diversi punti di vista, il richiamato contesto di riferimento.

L’indagine comprende tre rilevazioni diverse: benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del proprio superiore gerarchico.

Per “benessere organizzativo” si intende lo stato di salute di un’organizzazione in riferimento alla qualità della vita, al grado di benessere fisico, psicologico e sociale della comunità lavorativa, finalizzato al miglioramento qualitativo e quantitativo dei propri risultati. L’indagine sul benessere organizzativo, in particolare, mira alla rilevazione e all’analisi degli scostamenti dagli standard normativi, organizzativi e sociali dell’ente, nonché della percezione da parte dei dipendenti del rispetto di detti standard.

Per “grado di condivisione del sistema di valutazione” si intende la misura della condivisione, da parte del personale dipendente, del sistema di misurazione e valutazione della performance approvato ed implementato nella propria organizzazione di riferimento.

Per “valutazione del superiore gerarchico” si intende la rilevazione della percezione del dipendente rispetto allo svolgimento, da parte del superiore gerarchico, delle funzioni direttive finalizzate alla gestione del personale e al miglioramento della performance.

L’indagine, secondo quanto previsto dall’art. 14, comma 5, del D.Lgs.vo 150/2009, ha le seguenti finalità:

  • conoscere le opinioni dei dipendenti su tutte le dimensioni che determinano la qualità della vita e delle relazioni nei luoghi di lavoro, nonché individuare le leve per la valorizzazione delle risorse umane;
  • conoscere il grado di condivisione del sistema di misurazione e valutazione della performance;
  • conoscere la percezione che il dipendente ha del modo di operare del proprio superiore gerarchico.

Il Comune di Cavernago ha avviato l'indagine nei mesi di aprile/maggio 2013:

Sono stati distribuiti 12 questionari, 9 a personale dipendente a tempo indeterminato, 2 a personale dipendente a tempo determinato e 1 L.S.U.

Le persone coinvolte nel questionario, di cui n. 6 maschi e n. 6 femmine, erano suddivisi in queste fasce d'età:

- n. 2 fino a 30 anni
- n. 8 da 31 a 40 anno
- n. 1 da 41 a 50 anni
- n. 1 da 51 a 60 anni.

Allegato viene pubblicato il risultato dell'indagine.

Allegati

Risultato indagine 2013